Moda anni 20 stili moda e tendenze moda nel primo dopoguerra

0
Moda anni 20 stili moda e tendenze moda nel primo dopoguerra
Moda anni 20 stili moda e tendenze moda nel primo dopoguerra

Gli anni venti sono gli anni del riscatto sociale, della rinascita, cambiamento ed evoluzione. La donna rinnova il suo modo di vestirsi ma anche di essere: vuole divertirsi, guida, fuma, frequenta le sale da ballo ed entra nello scenario lavorativo come non è mai accaduto nella storia.

Indice

Gli anni venti sono gli anni del riscatto sociale, della rinascita, cambiamento ed evoluzione. La donna rinnova il suo modo di vestirsi ma anche di essere: vuole divertirsi, guida, fuma, frequenta le sale da ballo ed entra nello scenario lavorativo come non è mai accaduto nella storia.

La moda anni venti è fatta di vestiti elegantissimi, piume, pailletes, frange, outfit appariscenti ma comodi che consentono di muoversi in libertà. Make-up marcati e ben studiati, acconciature semplici, tagli corti, frangette e caschetti li accompagnano. E le scarpe anni 20? Diventano eleganti, alte ma comode, per potersi dimenare in pista. 

Moda anni 20 tutti gli stili moda e tendenze moda donna e uomo

I tipi di stile moda degli anni 20 e le tendenze moda del primo dopoguerra risentono sensibilmente della situazione sociale e politica del paese. Il ruolo della donna si modifica all’interno del nucleo familiare e della società, e dunque, nasce l’esigenza di nuovi abiti.

La moda anni 20 donna e ragazza ma anche uomo, subisce influenze sensibili, sia nei capi moda, che negli accessori e nei tessili. Ma vediamo nel dettaglio gli stili di moda anni 20, e le tendenze moda che si delinearono nei primi del 900 e nel dopoguerra per le donne e per gli uomini sicuramente più comodi e versatili.

Moda e stili 1920 icone di stile e flappers girls
Moda e stili 1920 icone di stile e flappers girls

Panorama storico degli anni 20 e gli stili di moda: il cambiamento

Mentre il periodo della guerra successivo alla Prima Guerra Mondiale, stravolge il ruolo femminile nella società, e catapulta la donna nel mondo del lavoro, si diffondono in Europa nuovi stili di vita. Si diffondono canzoni e musiche provenienti da oltre oceano come il Jazz, il Fox trot, il Charleston in particolar modo, ritmi che rallegrano le sale da ballo, mentre lo sport assume una connotazione diversa per uomini e donne.

Cambiando anche la vita lavorativa, oltre alle abitudini sociali di svago, mutano le esigenze collettive: c’è la necessità di dar vita a outfit eleganti, femminili ma comodi al tempo stesso.

Uomo e donna stili moda anni 20 dettagli in risalto

Nei primi del 900 saranno molte le modifiche agli abiti e agli stili di moda che si susseguiranno. Mentre l’abbigliamento maschile anni venti, resta praticamente invariato tranne che nei tessuti e qualche linea morbida, incluse calzature; mentre gli outfit sportivi si evolvono diventando una vera tendenza.

Le donne, invece, che all’inizio del 900 indossavano busti costrittivi, portavano cappelli immensi, boleri ricchi di pizzi e gonne a corolla, corpetti con perline e frange abbandonarono questi stili in favore di scelte più comode.

Si assiste prima alla scomparsa del busto, poi le gonne che si accorciarono alla caviglia, ed infine, si assiste alla nascita di completi comodi, femminili e maschili, adatti per la vita in società e quella lavorativa come ad esempio il tailleur per lei lo spezzato per lui.

Moda anni 20 stili e tendenze moda nel dopoguerra: evoluzione moda dai primi 900 agli anni venti
Moda anni 20 stili e tendenze moda nel dopoguerra: evoluzione moda dai primi 900 agli anni venti

Dalla moda del 900 alla Moda anni 20 del dopoguerra

Nei primi del 900, si assiste alle prima grande rivoluzione della moda, uno scenario che cambierà completamente le abitudine di abbigliamento ma anche quelle sociali. Negli anni che precedono la moda e gli stili anni 20, borghesi e media borghesia erano molto attenti all’estetica: amavano arredare le case con più gusto e vestire seguendo la moda e gli stili dell’epoca, ma accanto all’élite borghese vi erano anche le altre classi sociali. Per questo motivo in quegli anni, coesistevano varie mode e stili, anche in virtù delle esigenze delle diverse classi sociali.

Moda donna anni 20 stili e tendenze moda femminile

La crinolina in breve tempo, andò in disuso, e fu sostituita da sottogonna e gonna aderente un modello che rialzava il posteriore denominata ” cul de Paris“. Il corpino dava risalto al seno stringendosi verso l’alto si ammorbidì. L’industrializzazione apportò una grande spinta innovativa nella moda e diede vita alle produzione industriali. Gli abiti pronti dei grandi magazzini offerti in stili moda diversi favorirono il dilagarsi della moda pronta.

Il tailleur rilanciato da Coco Chanel fu uno dei protagonisti indiscussi della moda anni 20. Il taglio delle giacche era mascolino, i tessuti semplici, la cintura in cuoio, il corpetto dotato un colletto alto pratico. Questo perché nel dopoguerra, la praticità era ricercata per andare incontro alle esigenze delle donne che conducevano una vita più attiva.

Ma non mancarono gli abiti eleganti e da cerimonia, in cui lo stile era decisamente raffinato: Silhouette eleganti e filiformi si accompagnavano a scollature generose, mentre un elegante strascico deliziava la vista. Negli anni a seguire, quando la gonna si accorcerà, diventando più comoda e fruibile, si darà un maggior risalto ed importanza alla scarpa con il tacchetto.

Stile moda anni 20 l’abito Charleston, protagonista degli anni venti

L’idea di stile e di moda negli anni venti cambia molto le carte in tavola. Alla grande Coco Chanel si deve, nel 1917, il rilancio del tailleur (femminile ideato da un sarto nel 1885 per la principessa di Galles Alessandra) ma anche quella dell’abito tipico degli anni 20 l’abito da charleston dalle linee morbide. Un classico degli anni ’20 anche l’abito nero o Abito Ford o tubino, un capo moda che disegna una figura longilinea senza curve.

Sicuramente l’abito più rappresentativo degli anni venti è l’abito da Charleston caratterizzato da taglio morbido e lento in vita realizzato in tessuto leggero come Seta, Jersey, Chiffon ed arricchito da frange e perline talvolta anche da ricami e paillettes.

Ma gli anni 20 per la moda sono, non a caso, anche quelli degli abiti Flappers, tendenze moda che iniziano a diffondersi anche grazie alle dive del cinema muto.

  • Flappers girls erano ragazze giovani e disinvolte che adottarono uno stile moda anni 20 caratterizzato da gonne e abiti corti per l’epoca, capelli corti e un make up molto accentuato. Ma lo stile moda anni 20 non ruota solo unicamente intorno alle figure giovanili per questo gli stili e le tendenze moda anni 20, che si delineano, saranno più di uno.
Flappers girls moda anni 20
Flappers girls moda anni 20

Accessori moda anni 20: perle, tacchi, cappelli e calze

  • DONNA ANNI 20– Tra gli accessori si collocano sicuramente le calze e in particolar modo l’avvento delle calze color cipria o color carne. Tra gli accessori ricordiamo in particolar modo la collana di perle anche lunghissima. Per le donne le scarpe si fanno particolarmente eleganti, spesso sono scure nei colori e presentano tacchi più o meno accentati. Anche i cappelli passano dalla falda ampia a capelli a cuffia e di vario tipo.
  • UOMO ANNI 20 – Per l’uomo l’accessorio più comune è la cravatta, o il papillon, insieme al cappello in feltro, immancabile per definire l’eleganza nella sua totalità, troviamo anche i gemelli ad arricchire i polsini e il ferma cravatta per la cravatto o lo spillone per il plastron. Infine, è degli anni venti la nascita della prima scarpa comoda per l’uomo ” la scarpa da passeggio”.

Cravatta storia origini e tipi di cravatta

Make up anni 20 acconciature capelli e trucco

Il make up anni 20 è molto particolare e caratterizza lo sguardo ed il volto tendenzialmente pallido è ben incipriato. Le sopracciglia sono di moda sottilissime mentre le lebbra vengono messe in risalto da rossetti dai toni scuri come il marrone, il rosso scuro. Le labbra vengono disegnate dando risalto alla centralità delle bocca caratterizzata da un forma a cuore tipica anche delle bambole. Gli occhi, messi in risalto da matita e ciglia finte, utilizzano colori scuri come nero e grigio.

Acconciature e tagli cappelli anni 20

Negli anni 20 si passò dalle chiome lunghe e fluenti a tagli corti e scolpiti: dai caschetti ai carrè eleganti, ai capelli lisci ma non lunghissimi, alle volte arricchiti da morbide e sinuose onde, stile Greta Garbo, fino alle acconciature stile Flappers girls che prevedevano fasce tra i capelli. Un tagli tipico di ispirazione francese erano i capelli alla garconne (maschietta).

Louise Brooks, e il suo taglio à la garçonne, nel film “Lulu – Il vaso di Pandora” (1929):  icone degli Anni ’20 e prima diva della storia del cinema.
Louise Brooks, e il suo taglio à la garçonne, nel film “Lulu – Il vaso di Pandora” (1929): icone degli Anni ’20 e prima diva della storia del cinema.

Moda uomo anni 20 stili e tendenze moda maschile

Per gli uomini degli anni 20 la moda elegante da dress code, non cambia di molto rispetto alla precedente: la giacca, il fracrimasero per lungo tempo, gli abiti più importanti, accompagnati da bastone e cilindro. Tra i capispalla per uomo anni 20 di rilievo, troviamo un soprabito denominato finanziera, e il cappotto Chesterfield insieme al paltò con la vita segnata.

Per la sera invece, si aggiunse già dalla fine dell’800, un capo tutt’ora di gran uso: lo smoking! Più in la si affermeranno anche il tight e mezzo tight, capi moda maschili, adatti anche per il pomeriggio. Questi abiti eleganti sono tutt’ora tra i più gettonati per la moda maschile e le cerimonie e presenti negli stili di moda maschile. Ma insieme ai classici abiti nascono anche tendenze più comode.

Stile moda uomo anni 20: nuovi abiti, tessili ed accessori di lusso

Negli anni 20 la moda maschile subisce una sua evoluzioni in termini di praticità e comodità. Le giacche degli abiti si ammorbidiscono nelle forme e i nuovi tessili che l’industria moderna metterà in campo, permetteranno la produzione di abiti dai toni diversi come il principe di Galles e la nascita di completi alternativi come lo spezzato, ed il gessato entrambi, tutt’ora, di grande tendenza nella moda maschile. Sempre di quegli anni sono i pantaloni Oxfordbags, detti Tango. Si tratta di pantaloni larghi al fondo, che necessitavano di utilizzo di molta stoffa e per questo la loro moda durò circa un decennio. Altro cambiamento per la moda uomo anni 20 è il colletto della camici non più staccabile ma morbido ed unito al capo stesso.

Tra gli accessori uomo anni 20 ricordiamo cravatte, papillon e calze in principe di Galles.

Icone di stile moda anni 20 donne

Tra le icone di stile e di moda degli anni 20 si collocano senza dubbio alcune attrici nonché alcune first lady. Tra esse come visto Louise Brooks, attrice americana e il suo taglio à la garçonne, (foto in alto) icona degli Anni ’20 e prima diva della storia del cinema.

Altra icona di stile anni 20 fu Clara Bow una delle dive sicuramente più famose dell’età del jazz. Ma tra le icone degli anni 20 si collocano anche attrici dl calibro di Greta Garbo (anni 20 30), e Marlene Dietrich e Mary Thurman.

Icone di stile uomo anni 20

Tra le icone di stile uomo anni 20 troviamo senza dubbio Rodolfo Valentino, Stuart Holmes, attore anch’esso o John Gilbert interprete, in ruoli romantici, di grande amatore.

Un’icona di stile maschile anni venti, in antitesi con i canoni di Rodolfo Valentino, fu, sebbene elegante e sciatto al tempo stesso, Charlie Chaplin sul set, con il suo bastone e la sua bombetta. Ma è soprattutto anche nella vita privata che, Charlie Chaplin, fu un uomo elegante e dal grande stile.

Icone di stile uomo anni 20
Icone di stile uomo anni 20

Approfondimenti

Ti potrebbe interessare un riassunto degli stili di moda dagli anni 20 agli anni 80: Moda Vintage lo stile moda che ritorna dal passato, o magari scoprire tutti Gli stili di moda più usati qual è il tuo preferito?

Indice articoli correlati a questa sezione sugli stili moda nel corso dei decenni e la storia della moda nei secoli:

Previous articleGioielli nel Medioevo storia dell’arte orafa in Europa dai Romani ai Barbari, fino al Rinascimento
Next articleBologna apre la mostra ai pittori di Pompei Museo Civico Archeologico
Ciao sono Mara Mencarelli, founder di questo ed altri siti. Blogger, webeditor, freelance. La scrittura e lo sport sono tra i miei interessi principali. Per informazioni e collaborazioni scrivi a maraoya21@gmail.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.