La moda cambia nel corso dei secoli. Attualmente la globalizzazione ed il web, hanno permesso alla moda di svilupparsi in maniera diversa e di fondersi con doversi stili di moda utilizzati in varie parti del mondo, dando vita ad una corrente quasi univoca dei vari stili, alcuni più di tendenza, ed altri meno.

Gli stili di moda attualmente in auge sono circa una decina, alcuni riguardano il look nella sua totalità, accessori e make up incluso,  altri, sono riferiti principalmente al solo abbigliamento. In questo post vedremo tutti gli stili di moda: sapete quanti stili di moda esistono?  Moltissimi!  Noi parleremo degli stili di abbigliamento più comuni ed usati.

Gli stili di moda più usati: qual è il tuo preferito?

Innegabilmente, al di la dei vari stili di moda usati e in auge e non, ognuno di noi ha un suo stile preferito che si adatta meglio alla propria personalità e alla propria silhouette. C’è chi ama gli abiti ampi, chi detesta le gonne lunghe, chi ama solo i pantaloni, chi vestirebbe solo con li leggings e chi, invece, veste solo in modo elegante. Ma al di la di questo, vediamo quali sono gli stili di moda più usati.

Lo stile Romantico Bon Ton sempre di tendenza

I look aggressivi talvolta piacciono ma non sempre godono di effetto estetico che si adatta a tutte, mentre lo stile romantico abbigliamento, è facilmente indossabile da ogni donna, giovane o meno, ed è sempre presente nelle tendenze moda, talvolta reinventato ma sempre attuale, caratterizzato da tinte chiare e colori pastello e linee semplici armonizzate talvolta da decorazioni tessili e tagli particolari (pence, rouge etc). Lo stile romantico predilige tessuti naturali come lana, cotone, lino e seta. Talvolta punta anche su capi e abiti floreali, romantici e femminili.

Stile romantico bon ton

Vintage

E perché no? Il Vintage sta spopolando anche nell’arredamento e dunque il vecchio piace e torna di gran moda: riciclo in tutto dalle linee ai colori per ripercorrere gli anni del passato con eleganza. Gonne ampie, tubini fascianti, occhiali dalle lenti scure e monture doppi. Una rivalutazione della moda degli anni 60, talvolta anche antecedente, che si lascia apprezzare in ogni epoca. Si al vintage dunque, meglio se di marca, ma in fondo tutti abbiamo qualcosa rinchiuso nel nostro guardaroba o in quello di nostra mamma che non abbiamo proprio voluto buttare e che ben si sposa con le tendenze vintage attuali.

Stile Lolita

Viene dal Giappone ed interpreta il look dei manga. Lo stile Lolita riprende alcune linee Gotiche ma usa per lo più colori vivaci, tinte pastello e soprattutto è eccessivo e super curato. Una vera Lolita cura ogni singolo elemento del suo outfit dagli accessori, agli abiti fino a dettagli che riguardano make up, capelli e unghie. Un total look dunque, che trasforma una donna in una bambola manga. Lo Stile Lolita è molto seguito dal pubblico delle giovanissime, specie in alcuni paesi.

Stile Lolita

Pin Up

Abiti succinti, ragazze procaci che utilizzano abiti molto aderenti o scollati, corsetti avvolgenti trucco esagerato. Si cominciarono a diffondere sulle riviste americane degli anni 50, questo è rappresentato dallo stile Pin Up.

Lo stile Punk Rock – Emo e Grunge

E’ l’antitesi dello stile romantico e piace molto ai giovani. Risente di influssi provenienti dall’Inghilterra e si fonde talvolta solo per alcuni dettagli con lo stile abbigliamento Emo, ormai in via di declino che deriva in realtà da un modo di “sentirsi” ed “essere” una corrente di “appartenenza” molto caratteristica. Lo stile Punk viene reinterpretato e fuso talvolta anche con quello tipicamente Gotico che personalmente amo molto: influenze e contaminazione che offrono, in questo modo, un ventaglio di scelte più ampio. Alcune caratteristiche dello stile Emo, Punck Rock e Grunge si ritrovano in tutti e tre gli stili.

Da questo stile hanno preso spunto alcune decorazioni molto di tendenza degli ultimi anni: le borchie! Borse, cinte, scarpe ed anche indumenti vengono abilmente arricchiti dalle borchie personalizzandoli. Lo stile Emo è denominato anche Scene ed è spesso associato anche allo stile Skater.  Tra le scarpe più usate troviamo oltre ad gli anfibi anche le classiche Vans, (Skater) cinture, borchie t-shirt griffate e non inneggianti le band più amate. Il colore più adottato per l’abbigliamento è il nero, mentre i capelli ed il make up sono caratterizzati da trucco marcato degli occhi e frange asimmetriche che coprono spesso, un solo occhio.

Stile Punk Rock moderato

Gotico

Lo stile Gotico puro che deriva dalla moda dell’800 vittoriana risente anch’esso di molte influenze Dark. Gonne lunghe e non solo, colori come in nero, il rosso scuro il verde smeraldo: corsetti, lacci intrecciati, sia negli indumenti che in stivali e stivaletti, monili con croci e simboli sono caratteristici di questo stile e con essi, l’uso di mantelli ed abiti lunghi e non in stile gothic.

 

Stile Gotico

Etnico style

Interpretato molto bene in alcuni tessili di Armani lo stile Etnico ama i colori e le tessiture particolari, si districa tra ampie gonne, magari cucite a balze, camicette romantiche che osano scoprire e coprire, scialli, grandi borse. Un po’ lo stile degli ex sessantottini per così dire ma rivisitato in chiave decisamente luxury. Tessuti naturali anche in questo caso la fanno da padrone lino e cotone, lane talvolta a tessitura grezza, feltro e gioielli dal sapore safari /Africa: legno, conchiglie, semi, avorio (vero o finto che sia), sono tra i materiali che incorniciano i look stile etnico e tribale. Gioielli realizzati in modo manuale ed artigianale sono molto belli ed anche i più apprezzati.

Country style

In alcuni casi lo stile Country e quello Etnico si incontrano e si “scontrano”. Lo stile Country ama il denim, le ampiezze, mantelle ed accessori che non passano inosservati come cinte dalle fibbie grandi, stivali stile cowboy e rilanciano vertiginosamente, oltre al jeans e al denim in genere, il pizzo ed il tartan, lo scamosciato come tessuto specie in gonne e gilet. Il Country nasce in Usa ma ha radici nel mondo del Far West. Il cappello da bovaro ed anche  gli stivali, avevano, un tempo,  un uso tattico e servivano per ripararsi dal sole e dalle intemperie.

Bohémien o Boho  Chic

Uno stile decisamente romantico che ci arriva dalla Francia in tutta la sua romantica delicatezze e femminilità. Il termine Bohémien venne usato nel XIX secolo per descrivere un movimento legato ad un modo di essere ed ad uno stile di vita di persone legate all’arte, alla scrittura e alla recitazione. Come stile di moda invece nasce intorno al 2000 grazie alla  reinterpretazione da parte di modelle e attrici. Gli abiti Bohémien e Boho Chic sono romantici, un po’ hippie, talvolta sensuali, celano e lasciano vedere in svolazzanti tessuti leggeri di cotone. Uno stile attualmente molto utilizzato per abiti primaverili ed estivi. Tuniche ricamate, pantaloni zampa di elefante, cardigan ampi, vestiti lunghi e tessuti ricercati ed informali lo caratterizzano.

Lo stile Parigino: minimale ed elegante

Lo stile francese denominato parigino si distingue per un eleganza informale, semplice e lineare. Le sue regole d’eleganza lo contraddistinguono dal dopoguerra ad oggi e ne hanno fatto una vera icona di stile. Lo stile parigino ha dato vita a look francesi minimali sia nelle linee che nei colori.  Look decisamente molto femminili che sono stati interpretati anche da icone come Coco Chanel e Brigitte Bardot. Pochi i gioielli ed accessori semplici molto ricercati.

Androgino

Decisamente uno degli stili di moda meno femminili che si ispira ai look maschili, ma comunque ricco di sensualità in abbinamenti ricercati e linee semplici. Ha avuto momenti di grande successo e viene riproposto sulle passerelle specie da alcuni stilisti che non accennano a relegarlo nel passato. Si veste di capi tipicamente maschili, esalta la giacca ed il pantalone ed è curato in ogni dettaglio quasi maniacalmente.

Militare: “l’ animalier” da uomo

Lo stile militare in realtà si avvale di cromie a macchia tinta unita in verde scuro e beige, talvolta usato anche in varie tonalità di grigi e arricchito da decorazioni come mostrine, stelle ed altri accessori in tema con tale stile. Prediletto da un pubblico maschile è talvolta utilizzato anche per capi femminili.

Sport Style

In questo caso si tratta di un abbigliamento tipicamente comodo che talvolta segue le linee hip hop, non necessariamente da relegare in palestra o per le attività sportive, trova ampio pubblico tra i giovani. Tra gli accessori ricordiamo le comode sneakers e i cappelli con visiera che caratterizzano l’ American style e l’hip hop.

Model Valeria Gennaro

Street Style

Per alcuni aspetti riprende lo stile citato poco fa lo sport style, per altri invece è riferito all’abbigliamento comodo, da strada, quello che si indossa per giornate ed attività qualunque: comodo, segue pochi dettami, è libero e altamente personalizzante. Talvolta si avvale di capi griffati ma accogli benissimo anche capi anonimi.

Gli stili di moda e le contaminazioni

Le contaminazione che riguardano alcuni stili, praticamente quasi tutti, danno vita a loro volta a delle varianti e personalizzazioni che alcuni stilisti sfruttano per rilanciare talvolta, uno stile che appartiene al passato.

Ti ho elencato gli stili di moda più usati: qual è il tuo preferito? Io amo quello Gotico ma anche lo stile romantico :-). A te cosa piace lo stile parigino minimale ed elegante o uno stile più aggressivo come lo stile Grunge, street style o punk? Scrivilo nei commenti!

Ti interessa conoscere l’evoluzione e la storia della moda della medioevo ad oggi? Leggi questo articolo! Storia della moda TUTTI GLI STILI dal medioevo ad oggi.

29 COMMENTS

  1. Nella moda mi piace che si possa mischiare gli stili. Io in effetti non saprei definire il mio. È un qualcosa tra stile elegante, sportivo e pin up. Indosso quel che mi piace senza guardare le regole ma cercando sempre di presentarmi nel modo accettabile 🙂

  2. Non ho uno stile di moda fisso, preferisco alternare quelli che preferisco a seconda delle occasioni, dell’umore, del tempo.
    Street e romantic i preferiti, talvolta Bohémien

  3. Il mio stile è sempre vario! Una fusion di generi per crearne uno mio personale! Sono sempre stata cosi’ fin da bambina *-*

  4. quanti stili di moda io non sto molto a guardare queste cose vesto sportivo e comodo con un bambino la comodità è la prima cosa al momento

    • Alla fine le contaminazioni credo siano quelle più in voga. Sono veramente poche le persone che adottano 1 solo stile nei loro outfit e senza la minima contaminazione. Anche se in alcuni stili diventa davvero out!

  5. Io vario molto, mi piacciono diversi stili che uso d indossk a seconda dei contesti.
    Mi piace vestirmi sportiva e comoda ma non nelle uscite mi piace essere elegante e a volte anche un po’ sexy

  6. Io non seguo uno stile vero e proprio, io sono un tipo da Jeans, felpa e scarpe da ginnastica (tutto nero) fatta eccezione per qualche uscita particolare, ma in linea di massima voglio stare comoda.

  7. […] Fanno capolino, anche capi colorati come l’arancione, il fucsia ed il giallo (Marc Jacob), nuance proposte da stilisti tutti italiani, come Valentino e Gucci sia nei capispalla che negli abiti. Stilisti eclettici ed innovativi che non rinunciano al brio nella scelta di colori vivaci. Tanti gli stili proposti così come molti sono gli stili della moda. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.